Visioni acquatiche, visioni ambientali

pubblicato il 26/09/2013

visioni italiane 2014

Due sezioni del premio Visioni Italiane per cortometraggi dedicati all'ambiente e all'acqua: l'iniziativa della Cineteca di Bologna fa parte del festival che si terrà a Bologna dal 26 febbraio al 2 marzo 2014.

 

Guarda i vincitori della 1° edizione di Visioni Acquatiche!

 

1° classificato: IL GUSTO DEL CLORO di Gianluca Sportelli

 

2° classificato: IL TUFFATORE di Luca Lamaro

 

3° classificato: UNA VACANZA DA SOGNO di Antonio Benedetto 

 

Ecco le sezioni che si svolgeranno in collaborazione con il Mare Termale Bolognese:

 

VISIONI AMBIENTALI

In collaborazione con il Villaggio della Salute Più, è indetto un concorso per corto e mediometraggi che affrontino tematiche legate alla qualità dell’ambiente. L’argomento può essere trattato sia in modo serio che in modo ironico, utilizzando qualsiasi genere (fiction, documentario, animazione ecc.). Una giuria designata appositamente attribuirà alle opere migliori un premio di 500€, un premio di 300€ e un premio di 200€ . Verrà inoltre assegnata una menzione WWF. Le opere dovranno essere inviate con le stesse scadenze e modalità di Visioni Italiane, indicando Visioni Ambientali.

 

VISIONI ACQUATICHE

In collaborazione con Mare Termale Bolognese, è indetto un concorso per cortometraggi della durata massima di 15 minuti. Una giuria designata appositamente attribuirà il premio Mare Termale Bolognese consistente in 500€ per il miglior film che tratti come tematica “l’acqua come fonte di vita, benessere, salute e turismo”. Il secondo classificato riceverà un premio di 300€ e il terzo classificato un premio di 200€ . Le opere dovranno essere inviate con le stesse scadenze e modalità di Visioni Italiane, indicando Visioni Acquatiche.

 

Per partecipare bisogna caricare il video online entro e non oltre il 15 Novembre 2013.

Sul sito della cineteca è consultabile il bando completo.

 

Precedente | Successivo



Newsletter

Ricevi novità, eventi e promozioni

Per cancellarti clicca qui