Inaugurazione Terme Acquabios

pubblicato il 20/02/2013

inaugurazione terme acquabios

Il 2 marzo alle 15.30 inaugurazione della nuova fonte termale bicarbonato-alcalino-solfurea a Minerbio (BO).

Anche la “bassa” bolognese avrà le sue terme: dal 2 marzo infatti, dopo l'autorizzazione del Ministero della Salute che ne ha certificato le qualità terapeutiche, il centro Acquabios di Minerbio (BO) sfrutterà la nuova fonte termale bicarbonato-alcalina-solfurea e diventerà ufficialmente Terme Acquabios. Il quinto e più recente dei centri del Mare Termale Bolognese costituirà insomma un vero vanto per il territorio fra Bologna e Ferrara, i cui cittadini potranno avere comodamente a disposizione tutti i benefici di salute e benessere delle terme:

  • riabilitazione attiva e passiva in piscina termale e in palestra
  • prevenzione e cura di tutte le forme di dolore acuto e cronico (artrosi, lombalgie, cervicalgie, gonalgie…) con protoccoli personalizzati
  • prevenzione e cura delle alterazioni circolatorie (ipertensione, cellulite, edemi, artesiosclerosi…), grazie alla natura delle acque e ai diversi gradienti termici delle stesse
  • cura dell’obesità e della sindrome metabolica con diete personalizzate, bagni termali e pacchetti specifici
  • benessere termale con corsi fitness in abbonamento e personale medico per la valutazione dei progressi
  • bellezza e cura del corpo attraverso protocolli personalizzati, training fisico mirato, chaise-longue termoterapica e trattamenti di medicina estetica termale

Sarà attivo inoltre un nuovo reparto inalatorio per aerosol, humage, inalazioni.

L’acqua termale bicarbonato-alcalina-solfurea che alimenta le Terme Acquabios ha una genesi antica di centinaia d'anni, con un bacino di alimentazione remoto (parte dal medio Appennino tosco-emiliano) che lentamente si arricchisce di oligoelementi e le conferisce il caratteristico colore giallo chiaro.

Il Ministero della Salute con due decreti ha affermato questa acqua termale benefica per la pelle e per la cura di artrosi e reumatismi.

Tra gli elementi caratteristici del contenuto salino disciolto spicca la presenza di ione bicarbonato (-HCO3 per circa 570 mg/l), di acido solfidrico (H2S superiore a 1,2 mg/l) e di sodio (Na maggiore di 104 mg/l).

Il risultato è quello di disporre di un'acqua salubre, di medio basso contenuto salino (circa 528 mg/l di residuo secco a 180°C) che chimicamente può essere classificata come medio minerale bicarbonato-alcalina-solfurea con discreta componente sodica. La caratterizzazione prevalentemente alcalina è confermata da un pH pari a 7,5.

Quest'acqua contiene anche una piccola quantità di anidride carbonica libera (CO2 intorno a 13 mg/l) oltre a ferro totale (Fe prossimo a 0,75 mg/l). Quest'ultimo elemento disciolto una volta che l'acqua viene a contatto con l'ossigeno atmosferico tende a trasformarsi in sesquiossido di ferro (Fe2O3) che conferisce all'acqua una debole colorazione giallo paglierino. Questo effetto è esaltato per il mancato tamponamento della CO2 naturalmente presente in acqua e dalla limitata ossidabilità (9,6 mg/l) della stessa oltre che dalla presenza dello ione solfidrico (H2S), noto per la sua tendenza a colorare l'acqua su un viraggio tendente al giallo chiaro.

L’appuntamento per l’inaugurazione è sabato 2 marzo alle 15.30, in Via Garibaldi 110 a Minerbio. Saranno presenti le autorità civili e religiose. La festa sarà accompagnata dalla banda di paese e da un buffet offerto dall’agriturismo del Villaggio della Salute Più.

 

Precedente | Successivo



Newsletter

Ricevi novità, eventi e promozioni

Per cancellarti clicca qui