È arrivata la birra termale

pubblicato il 05/06/2009

birraTutto quello che c'è da sapere sulla novità assoluta del Villaggio della Salute Più: la Birra Termale viene servita presso il "Pianeta Birra Termale" e va ad arricchire le tre nuove linee culinarie del Villaggio, per una proposta gastronomica che mette insieme gusto e salute.

• Cos'è la Birra Termale?
È birra artigianale, non filtrata e non pastorizzata, prodotta usando l'acqua termale delle Terme Felsinee. Viene proposta in versione "Bionda" e "Mora".

• Acqua termale? Cioè?
È acqua proveniente dalla fonte "Alexander" delle Terme Felsinee. Si tratta di acqua purissima con preziose proprietà bicarbonato-solfato-calciche e autorizzata dal Ministero della Salute per l'idropinoterapia grazie alle sue qualità diuretiche e depurative e la ricchezza di minerali (magnesio, manganese, silicio...).

• E come fate a farci la birra?
Si prende l'acqua termale dalla fonte "Alexander" e la si porta a un birrificio autorizzato. Qui l'acqua termale, assieme a malto, luppolo e lievito, viene usata per fare la birra, in modo analogo a come avviene per tutte le birre artigianali di questo mondo: solo che questa usa l'acqua della fonte termale Alexander.
Dopo un periodo adeguato di fermentazione (la cosiddetta "cotta", di circa un mese) viene imbottigliata o messa nelle spillatrici... ed eccola qui.

• Quindi... più ne bevo e più starò bene?
È pur sempre una birra e quindi va bevuta responsabilmente! Ma, come tutte le birre artigianali non pastorizzate, rappresenta un valido apporto di enzimi, vitamine del gruppo B che stimolano il metabolismo cellulare, minerali, oligoelementi (calcio, fosforo, zinco, selenio). Parafrasando il detto popolare "chi beve birra campa cent'anni", possiamo dire che... "chi beve birra termale campa cent'anni in forma".

• Cosa significa "birra artigianale"?
Significa che è prodotta senza conservanti, coloranti o addittivi: ci sono solo acqua termale, malto d'orzo, luppolo e lievito, e nient'altro. La birra termale inoltre è non pastorizzata e non filtrata: mantiene intatti quindi tutti i preziosi enzimi e oligoelementi della birra e il gusto originale dei suoi ingredienti naturali. Cosa che le birre industriali non riescono ad avere.

• Che sapore ha?
La "bionda" è fresca, con un bilanciamento fra le note dolci del malto e quelle amare del luppolo. È particolarmente indicata a chi ha sete e apprezza birre 'beverine'.
La "mora" ha un aroma tostato, con un gusto più deciso, ed è maggiormente rivolta alla degustazione e meditazione.
Comunque per scoprire che sapore ha veramente... non resta che provare!

• A che temperatura va bevuta?
La "Bionda" preferisce una temperatura fresca (4-6 gradi) per esaltarne tutte le proprietà. La "Mora" invece va servita a una temperatura di 8-10 gradi perché possa sprigionare i suoi aromi al palato.

• A che temperatura si conserva?
Si tratta di birra non pastorizzata e senza conservanti, quindi può restare fuori da un luogo fresco al massimo per 15 giorni (in caso contrario la birra è ancora buona da bere, ma potrebbe perdere un po' in gusto e proprietà).

• Dove la trovo?
La birra termale è in vendita presso il Villaggio della Salute Più di Monterenzio (BO) e all'Emporio del Benessere Più (Via Irnerio 10/L, Bologna) - www.emporiobenessere.it

 

Precedente | Successivo



Newsletter

Ricevi novità, eventi e promozioni

Per cancellarti clicca qui